.

 DIZIONARIO ETIMOLOGICO ONLINE
Home - Informazioni - Abbreviazioni - Contatti

RICERCA

guttifero
gutto
gutturale
i#
hic et nunc
hic, hoc
hinc et inde

I#





Onecoin

Il modo
più moderno
di perdere
i vostri soldi.

Attenzione

Non investite in Onecoin
È un modo quasi certo di rimetterci soldi.
Non è una crittovaluta, è un schema piramidale stile catena di Sant'Antonio.
Potete trovare ulteriori informazioni su onecoin

Copyright 2004-2008 Francesco Bonomi - Vocabolario Etimologico della Lingua Italiana
Tutti i diritti riservati - Privacy Policy



Atlante Storico
Il più ricco sito storico italiano

La storia del mondo illustrata da centinaia di mappe, foto e commenti audio






















7 iota dei Greci. Riguardo alla forma l'alfabeto greco-latino non ha conservato del? IOD, che vale la mano figura che un dito, forse l'indice. L'uso di frapporre ali' i il puntino introduzione dell'J nella grafia è attribuita, siccome la distinzione della lettera attigua e renderne cosi disagevole la lettura. Cionondimeno lo scrupolo soverchio di punteggiarlo venne considerato ben presto come italiano prende parte anche risale appena al sec. xiv dell'era volgare, e fu introdotto forse per meglio precisare l'ortografia ed evitare il pericolo J lungo o jota^ che i grammatici e lessicografi classificano come sesta fra le consonanti, prendendo essa tale carattere quando è iniziale [per es« Jacopo === Giacomo], e quando è fra due vocali [per es. anguinaia s= anguinaglia]. La e terza vocale nell'ordine dell' alfabeto latino e delle lingue neo-latine, non che delle germaniche, corrispondente di scambiarlo senza punto coll'asta indizio di minuziosa pedanteria, principalmente presso i francesi, fra i quali è in voga il proverbio « Porre i punti sugl'i », per indicare l'eccesso della precisione, che talvolta degenera quasi in una specie di mania. (Nell'alfabeto al semitico iod [^] che in ebraico significa mano, e richiama certamente il carattere a cagione della sua i nona lettera figurativo, da cui deriva questo ségno alfabetico, il quale corrisponde pure SLÌV del segno della consonante v in luogo dell'u usato in sua 3 italiana, la quale pronunziasi ACCA ed è più sovente di genere femminile. La poca importanza di questa di prolungamento di suono. Tali lettera ha fatto si che il nome di essa si adopra per significare serba alcun reale valore fonetico, come in ho, hanno [che per ciò altri scrive o, anno}', ed in alcune interiezioni, come ah! deh! ahi! ehi! sono le modeste funzioni delFH nel? ortografìa ecc. è soltanto più che di aspirazione, segno Nulla: per es. « Non valere un'acca », « Non sapere un' acca » cioè niente. serpere mozzo procondilo favellare sottomultiplo immenso boria mota democratico giusarma longanime odorifero barbaro curvo cheto calcagno giumella scafiglio birichino deputato novello sfortuna lista guardia nappa gallina modine letale ganghire cancello fumatiera borra negletto limitare provvido sminuzzare supplicare avvitare estremo farsa logografia aitare ricco cempennare calabrache saettia vellicare garzerino asfodelo impegnoso saccoccia passibile tondere convesso euro Pagina generata il 26/06/17