.

 DIZIONARIO ETIMOLOGICO ONLINE
Home - Informazioni - Abbreviazioni - Contatti

RICERCA

molla
molla
mollare
molle
mollica
mollificare
mollizia, mollizie

Molle





Onecoin

Il modo
più moderno
di perdere
i vostri soldi.

Attenzione

Non investite in Onecoin
È un modo quasi certo di rimetterci soldi.
Non è una crittovaluta, è un schema piramidale stile catena di Sant'Antonio.
Potete trovare ulteriori informazioni su onecoin

Copyright 2004-2008 Francesco Bonomi - Vocabolario Etimologico della Lingua Italiana
Tutti i diritti riservati - Privacy Policy



Atlante Storico
Il pił ricco sito storico italiano

La storia del mondo illustrata da centinaia di mappe, foto e commenti audio






















10 al tatto, alla pressione, pur conservando una certa aderenza; indi Morbido e poi (cfr. Brado e Mola 1). Questa veduta ha certamente un gran valore: ma ciņ che forma difficoltą per manifestamente affini, e che dalla idea primordiale di tritare č agevole trapassare a quella di ridurre in polvere e poi all'altra di ammorbidare, cornee dato anche persuadersi guardando all'identico ordine l'idee, nel quale sta il Curtius, oltre la identitą di significato tra la voce greca e la latina, la quale non č trascurabile fra idiomi tanto vicini tra loro, č la lo stesso, la cui radice MOL- == MAL== MOR-, MAR- trovasi nel greco idioma, come lo prova la voce molņ eh e ===- maląche malva, nozione originaria di tritare, che a lui sembra non si presti al bisogno. Giova perņ osservare, concordando le due ipotesi, che trattasi di radici [la greca e la latina] mņlle rtr. moli; rum. m o ale; prov. molhs; fr. mol, mou, mol; cai. mol; sp. mole, muelle; pori. molle: == mal-thakņs, che vale il sscr. tarunas tenero e gr. tčren tenero, molle, delicato, sol gr. lai. MŅLLEM e pił anfcic. MÓLLUM attestato dal Facciolati [onde la voce Mollusca un'origine intieramente latina e srede sia contrazione di m o vili s da moVQO muovo (come agili s da ago, facilis ia facio) e gli attribuisce il senso originario di mobile, pieghevole, flessibile: perņ mņvilis avrebbe dato mólis, come móbus da invece col Bopp sappone che MŅLLIS stia per MŅLDUIS === sscr. MRDUS == pers. MARDU, a. slav. specie di noce dal guscio tenero], che, col greco, suppone mólys, mólyrņs debole, languido, stanco (v. Malva e cfr. Morbido e Miele). Il Corssen secondo il Curtius, il Froehde, il Poti, č voce parallela al gr. mal-akņs, miadu tenero, e poi figuratamente tardo, lento, da una rad. MARD- tritare [sscr. mrd-nąti e m r nąti] mņvitus! Che cede teiró consumo sfregando. — II Bon£čy tenta coglierne la radice nel sscr. mlay-ąmi -part.pass. miąnas - divengo flaccido, languido: lo che non sembra al Curtius molto chiaro. II Georges finalmente staccandosi da tutti e dissimulando la comunanza di radice facilmente Bagnato, Inzup 2 fig. Debole, Effeminato, Delicato, Tendente a sensualitą. Molliccio. Mollitivo; MolIfsie; Mollificare, Mollore; Mollume. Comp. Ammollare; Ammollire; Immollare; Rammollire; Mollificare. Deriv. Molla: Molląccio; Mollare; Mollica: Mollése; Mollétta; Mollica, pato d'acqua; Cfr. Mallo; Malta; Malva; Milza; Mollusco. sfegatare mellifluo merarca sanguinaria pappatoia promettere orefice commozione tetragono pappino involpire prudente arruffianare scamuzzolo zonzo succlavio rifinare codardo trafiggere colecchio corso avvincigliare aiuola impippiare incivile sbandare tarpare tarma impegnare hincetinde latteo particola duumviro miglio zinco palombaro plebiscito litigare spacciare dodo punire prelezione ledere profluvio tecca muta rampogna cosacco tenere ipnotismo Pagina generata il 23/06/17